mail unicampaniaunicampania webcerca

    Corso di Laurea Magistrale in Scienze degli Alimenti e della Nutrizione Umana

    Durata: 2 anni

    Classe: LM-61 - Scienze della nutrizione umana

    Tipo di accesso: accesso libero

    Presidente: Aurora DANIELE

     

      Regolamenti

      Manifesto degli studi

      Orario delle lezioni  

      Calendario esami

      Sedute di laurea

      Assicurazione della qualità

     

    Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze degli Alimenti e della Nutrizione Umana è finalizzato alla formazione di laureati magistrali esperti in attività di ricerca e sviluppo in ambiti inerenti la qualità degli alimenti e la nutrizione umana. Particolare attenzione sarà rivolta alla padronanza di strumenti analitici avanzati per la valutazione delle fondamentali caratteristiche delle materie prime e dei prodotti alimentari. Il percorso formativo prevede l'acquisizione di solide conoscenze su: materie prime e loro caratterizzazione genetica; struttura e funzione di composti organici di interesse alimentare; qualità nutrizionale, sensoriale, microbiologica e tossicologica degli alimenti e loro conservabilità (shelf-life); aspetti igienico-sanitari; strumenti biotecnologici per la preparazione di alimenti funzionali, tecnologie per la conservazione post-raccolta; controllo microbiologico e sicurezza degli alimenti ai fini funzionali. Il corso prevede altresì una parte formativa in discipline della nutrizione umana, a partire dalla conoscenza della fisiopatologia dell’apparato digerente e del fegato, compreso le principali malattie, delle metodiche diagnostiche attuali in campo epato-gastroenterologico con particolare riferimento a test genetici per la diagnosi precoce di malattia, dei principi di terapia in campo nutrizionale, compreso i meccanismi d’azione e i potenziali effetti benefici dei nuovi farmaci “biologici” e con “target molecolare”. Saranno inoltre trattati i principi dei fabbisogni nutrizionali in relazione all’età e alle malattie metaboliche di maggiore impatto sociale, quali diabete e ipertensione e infine i rapporti alimenti- tumori, con particolare riguardo ai nitriti e nitrati, alle aflatossine e ad altri contaminanti alimentari coinvolti nella genesi dei tumori. Sul piano terapeutico, sarà trattata l’importanza della dieta, delle fibre e delle sostanze antiossidanti naturali quali molecole capaci di interagire anche con i farmaci nel favorire la morte programmatadelle cellule maligne, nel rallentare la proliferazione cellulare o nell’ostacolare la formazione di nuovi vasi sanguigni. Il percorso formativo prevede inoltre 20 CFU per la prova finale e 6 CFU per il tirocinio formativo e di orientamento.

    I principali sbocchi occupazionali previsti dai corsi di laurea magistrale della classe sono attività finalizzate alla corretta applicazione dell'alimentazione, della nutrizione edelle relative normative vigenti, utilizzando le nuove tecnologie applicate all'alimentazione e nutrizione umana e interpretandone i dati al fine di valutare la qualità nutrizionale, la sicurezza, l'idoneità degli alimenti per il consumo umano, la malnutrizione in eccesso o in difetto nell'individuo e nelle popolazioni.

    funzioni

    - Applicare con metodo scientifico le conoscenze teoriche derivate dal curriculum seguito e dall'aggiornamento culturale allo svolgimento delle attività professionali indicate nel profilo;
    - analizzare, valutare e migliorare le caratteristiche chimico-fisiche e microbiologiche di un prodotto alimentare, applicando tecniche convenzionali ed avanzate di analisi ed elaborazione dati;
    - progettare, gestire e innovare processi della filiera alimentare;
    - acquisire conoscenze, abilità ed autonomia nella esecuzione di ricerca in campo nutrizionale;
    - acquisire la capacità di formulare una valutazione dello stato nutrizionale dell'individuo sano e dei gruppi a rischio;
    - adottare strategie nutrizionali per prevenire l'insorgenza di malattie legate all'eccesso o al difetto di alimentazione
    Queste capacità sono acquisite attraverso la partecipazione ad attività pratiche e sperimentali svolte durante il periodo di tesi e nel corso di tirocini in laboratori e ambulatori di ricerca e verificate durante la prova di tesi finale.

    competenze

    - Biologi e professioni assimilate
    - Biotecnologi alimentari
    - Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze biologiche

    sbocco

    Secondo la classificazione proposte dall'ISTAT, i profili professionali ricadono nell'ambito delle professioni specialistiche nelle Scienze della salute e della vita (codice 2.3.) e della formazione, della ricerca ed assimilati (codice Istat 2.6).

     

    facebook logogoogle plus logo buttonyoutube logotype